sabato 24 dicembre 2011

Attraversando una via

Attraversando il corso Vittorio Emanuele, a Sassari, ultimamente si sente e si vede di tutto.
Una bambina che corre verso un uomo felice. Un gruppo di amici si abbracciano, e uno dice: "Viene da Nuoro." Pezzettini di conversazione. Un uomo in giacca e cravatta con un cellulare ultima generazione blatera con aria preoccupata: "Ehm...il contratto, il contratto...." Una signora dice ad un'altra: "....secondo me non finirà il mondo, ma succederà qualcosa di sconvolgente." Una ragazza Babbo Natale fa suonare una campanella e offre caramelle ai bambini. Le luci dei negozi splendono di blu elettrico e argento.
E' Natale. Quest'anno, stranamente, lo sento più degli altri anni, non mi trasformo in una misantropa. Eppure il mondo non è che vada poi così bene. Ma che dire, almeno un giorno dimentichiamo tutto il casino delle nostre esistenze. Che, dopotutto, non sono poi tanto incasinate. Quest'anno ho notato così tante persone al freddo a chiedere soldi per comprarsi un tozzo di pane, nel corso Vittorio Emanuele. Forse, quindi, non è così grave se qualcuno non è riuscito a mettere un regalo sotto l'albero.  

2 commenti:

  1. Come l'hai descritto bene! Mi sembrava di avere la scena davanti! Brava!

    RispondiElimina

I vostri commenti sono molto graditi!! :)
Tuttavia, qualunque commento con un contenuto offensivo verrà eliminato dall'amministratrice del blog.